Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare - Sezione di Bologna "Carlo e Innocente Leoni”

Leoni Carlo e Innocente

volofarfallaok
Carlo Leoni
, famoso incisore bolognese, è stato uno dei fondatori e animatori della nostra sezione: questa pagina è a lui dedicata. Egli si è inserito nel mondo artistico bolognese, nell'immediato dopoguerra: pittore, incisore, scultore, si è distinto sin dall'inizio per la sensibile personalità e per il talento spiccato emerso prevalentemente nella scultura.
"Scultore", infatti, amava definirsi Leoni, ma ben presto l'aggravarsi della malatta - la distrofia muscolare che l'ha accompagnato fin dalla giovinezza - lo costrinse a dirottare su tecniche meno faticose. Con genio e costanza si appropriò di tutti i segreti dell'acquaforte - avendo Morandi per Maestro - e sulla lastra riuscì a tradurre in modo incisivo e personale, il mondo quotidiano, intriso di intense emozioni. Tanti sono i critici che ne parlano in modo ammirevole tra i quali Francesco Arcangeli che lo stimava e lo spronava riconoscendo in Carlo Leoni un grande merito artistico. Il progredire della patologia l'ha costretto, giorno dopo giorno, all'immobilità quasi totale. Con fierezza e contro il pietismo ha combattuto le sue battaglie utilizzando la propria creatività nell'ideare apparecchiature e vari ausili personalizzati utili a rendere meno dure le limitazioni dell'handicap. Il suo inconfondibile segno di artista è andato via via facendosi sempre più lieve ma non meno poetico ed essenziale. Di lui restano sculture, olii, acquarelli, incisioni, litografie: l'insieme di queste opere racconta la storia di un vero artista e di un uomo generoso, che ha vissuto la sua vita, cosciente dei suoi limiti e valorizzando al massimo le sue capacità.
 
 
Le opere di Carlo Leoni sono esposte in mostra permanente in diversi musei e luoghi aperti al pubblico, ed in particolare:
 
  • Fondazione Cardinale Giacomo Lercaro - "Veritatis Splendor" - Raccolta Lercaro (2001) - Via Riva Reno, 57 Bologna: Sculture, Acquarelli, Oli, Disegni, Acqueforti
  • Collezione San Giorgio in Poggiale - Fondazione Cassa di Risparmio (1991) -Via N.Sauro,22 Bologna: Sculture, Acquarelli, Oli, Disegni, Acqueforti
  • Accademia delle Belle Arti (2000-2003) - Via Belle Arti,54 Bologna: Disegni, Acqueforti
  • Museo Bargellini (2002) - Via Rusticana A/1 Pieve di Cento (Bo): Acqueforti
  • Fondazione Collegio Venturoli (2003) - Via Centotrecento, 4 Bologna: Acqueforti
  • Comune di Camugnano - Municipio (1985): Acqueforti
  • Comune di San Giovanni in Persiceto - Municipio (2002): Acqueforti
  • Comune di Budrio - Municipio (2004): Acqueforti
  • Comune di Grizzana Morandi - Municipio (2005): Acqueforti
  • Comune di Dozza Imolese - Municipio (2006): Acqueforti
  • Comune di Minerbio - Municipio (2006): Acqueforti
  • Sezione Uildm di Bologna: Acquerelli, Oli, Disegni, Acqueforti.
 
Tutte le opere di Carlo Leoni sono dettagliatamente presentate nel volume "CARLO LEONI", con presentazione di Andrea Emiliani, testi di Alessandro Baccilieri, Piergiovanni Castagnoli, Silvano Ceccarini - Regesto biografico a cura di Osanna Ognibene - Edizioni Grafis, Bologna 1998 (€ 50,00), disponibile presso la sezione UILDM di Bologna.

INNOCENTE LEONI


Fratello di Carlo, (1923-1986), poeta di riservata e squisita sensibilità, fu anch'egli affetto da distrofia muscolare. Autore di una raccolta di liriche "Pensieri silenziosi", con disegni di Carlo Leoni - edizioni SAB Bologna (1981), disponibilie presso la sezione UILDM di Bologna.

MARIO LEONI


Fratello di Carlo e Innocente, anche lui affetto da distrofia muscolare, fu un artista di grande carattere ed a lui è stata dedicato il Laboratorio di Arte Grafica Sperimentale di Via Santa Apollonia a Bologna.
"OGGETTO - Fissioni di immagini di Mario Leoni e Deborah Whitman" - Tipografie Labanti e Nanni, Bologna,1975, disponibile presso la sezione UILDM di Bologna.

Dalle opere di Carlo, Innocente e Mario Leoni, è stato realizzato, a cura dell'associazione San Filippo Neri di Calderara di Reno, il Recital "Io Artista" ed il progetto "Itinerarte" (2004) per presentare nei teatri dei Comuni della Provincia di Bologna la poesia e l'intensità dell'arte realizzata da persone con grave disabilità motoria.